La migliore stampante fotografica a sublimazione

 

Come scegliere le migliori stampanti fotografiche a sublimazione del 2018?

 

Non è raro in questi tempi incontrare persone che uniscono la passione fotografica con il desiderio di una stampa in tempi brevi, sfruttando le diverse tecnologie di sviluppo a disposizione, inclusa quella a sublimazione termica. Per chi vuole maggiori chiarimenti a riguardo, la seguente guida si propone di illustrare quelle linee generali da rintracciare in una buona stampante, accompagnando il tutto con un focus specifico sulla modalità di stampa menzionata qualche riga più in alto.

Parlando di stampa fotografica, si deve porre l’accento sulla qualità e la resa delle immagini, vero punto di forza e aspetto che gli utenti considerano maggiormente al momento della scelta. Il nostro consiglio è di puntare su prodotti di marchi affidabili, che hanno costruito nel tempo una reputazione e fiducia che guardano verso la qualità della stampa.

I modelli di fascia media usano una stampa in quadricromia, con un uso dei quattro colori fondamentali che uniti riescono a coprire le varie sfumature. Nei prodotti di fascia alta si arriva anche alla stampa in esacromia ma, se non siete dei maniaci o non avete bisogno di foto stampate per lavoro, potete anche accontentarvi dei quattro colori a disposizione.

Il tipo di stampa si divide poi tra getto d’inchiostro o laser; il primo offre una maggiore versatilità e trova la sua migliore applicazione nelle stampe a colori. Il laser invece ha dalla sua una praticità che emerge in chi ha necessità di una produzione sostenuta di documenti. Nei modelli più o meno portatili si sta diffondendo poi la tipologia di stampa detta a sublimazione di calore. Ha dalla sua l’assenza di cartucce, controbilanciata però da un costo medio della carta fotografica superiore rispetto a quella delle stampanti “tradizionali”.

La pellicola viene impressionata grazie a una reazione chimica generata dal calore e il risultato è una foto di buona qualità, con la possibilità di essere anche attaccata su una parete nei modelli con carta adesiva trasparente. Una pratica connettività, in grado di sfruttare la connessione Wi-Fi per un aggiornamento dei driver più recenti, oppure la possibilità di utilizzare il Bluetooth presente su uno smartphone o un tablet, sono funzionalità apprezzate da tutti gli utenti che amano certa multimedialità. Chi si mette alla ricerca della migliore stampante fotografica a sublimazione, dovrà tenere ben presente il costo delle pellicole, la necessità e la mole delle foto da voler stampare, senza trascurare una ricca dose di funzionalità pratiche, come un’interfaccia agevole e intuitiva, unita a un’autonomia della batteria per chi sceglie i modelli portatili che non riservi brutte sorprese.

 

Prodotti raccomandati:

 

Canon- Selphy CP1200

 

Compatta nelle forme ma non nei risultati: questo l’obiettivo che Canon si è prefissa con la creazione del modello CP1200. A partire dalla resa della immagini, la casa produttrice si è affidata a un oggetto che sfrutta la tecnologia a sublimazione “ibridandola” con tre inchiostri, inclusi nella confezione.

Il formato delle immagini è quello tipico di una cartolina, con la possibilità di scegliere le dimensioni tipiche della fototessera per chi ha bisogno di stampe per documenti ufficiali.

Tra le varianti messe a disposizione, figura anche quella di un rivestimento protettivo lucido o semilucido, così da proteggere l’immagine da ditate e macchie.

Gli utenti hanno apprezzato molto la piena compatibilità con sistemi operativi Android e iOS, per una comunicazione tra dispositivi che non teme barriere e che porta a un livello smart e intuitivo la questione della stampa delle foto, sia da smartphone, tablet o altro supporto.

Acquistare su Amazon.it - Prezzo: (€159.99)

 

 

 

Canon – Selphy CP1000

 

Tra le migliori stampanti fotografiche a sublimazione del 2018, la piccola di casa Canon funziona sfruttando il collegamento tramite Usb per il trasferimento e il riconoscimento delle immagini. Volendo poi si può optare anche per l’inserimento di una scheda di memoria su cui caricare le immagini.

La stampante svolge il suo lavoro sfruttando la tecnologia a sublimazione e una kit di cartucce (non incluso) per una resa su supporto fisico di buona qualità, senza macchie e sbavature.

Il formato cartolina risulta un’opzione gradita da chi l’ha provata, confermando anche la buona compatibilità con i maggiori sistemi operativi presenti sul mercato.

Non si verificano incompatibilità e il corretto funzionamento è monitorato da una serie di tasti presenti nella parte frontale. I menu sono di facile consultazione, grazie anche a un display dalle giuste dimensioni e intuitivo.

Acquistare su Amazon.it - Prezzo: (€99)

 

 

 

Prinics PicKit M1

 

La App dedicata per la stampa in quattro semplici mosse, unita alla tecnologia Bluetooth per un trasferimento in un baleno delle immagini da smartphone o tablet, rendono la piccola di casa Prinics un prodotto da non sottovalutare. Per alcuni utenti è la migliore stampante fotografica a sublimazione, complice il basso costo che si dimostra un fattore aggressivo e molto competitivo.

Sul fronte delle foto, la resa della immagini e il formato rispettano i canoni tipici dei prodotti portatili: dimensioni contenute che si avvicinano alle misure di una cartolina, con una risoluzione massima di 290 dpi.

Per la comodità di utilizzo potrebbe rientrare nella categoria delle stampanti da viaggio, pratica per chi vuole avere sotto mano la foto appena scattata e un ricordo tangibile da appendere o conservare nell’album di viaggio.

I colori e la grana delle immagini non riservano sorprese al momento della stampa, rispettando al meglio quanto riportato su schermo.

Clicca qui per vedere il prezzo di questo modello

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5.00 out of 5)
Loading...
Cookies: Su questo sito possono essere presenti cookies tecnici di terze parti che permettono di fare analisi di tipo statistico su visite e comportamento dell'utenza, in particolare si tratta di cookies gestiti da Amazon e Google con il servizio Google Analytics.